Colours. Therapy. Interior Design.

I colori (…) veicolano dei codici, dei tabù, dei pregiudizi cui obbediamo senza saperlo, possiedono significati reconditi e influenzano profondamente il nostro ambiente, i nostri comportamenti, il nostro linguaggio e il nostro immaginario – Il piccolo libro dei colori – Michel Pastoureau; D.Simonnet)

Il ruolo dei colori è veramente importante, specialmente nel marketing e nel visual merchandising: psicologicamente ogni colore ha un diverso impatto sulla nostra percezione dello spazio del contesto, dell’esperienza visiva in generale.

Quando entriamo in un ristorante, (si pensi alle catene più famose di fast food per esempio), lo studio dei colori, nonchè del layout generale del posto, gioca sicuramente un ruolo importantissimo nell’esperienza del consumatore e nell’idea che l’azienda vuole dare di se ai suoi clienti.

Anche nell’arredare la propria casa, la scelta dei colori deve essere meditata (per quanto possibile); ce lo spiega la Cromoterapia.

La cromoterapia è collocabile tra le medicine alternative e spiega come l’uso dei colori rappresenti una terapia volta al trattamento di disturbi di varia entità.

Essa non si avvale di nessuna prova scientifica ma dimostra come i colori siano indispensabili per ritrovare l’armonia e l’equilibrio del corpo e dello spirito.

Il verde, per esempio, è il simbolo dell’armonia, della natura e dell’equilibrio. Esso agisce a livello del sistema nervoso dunque contribuirebbe a infondere armonia e calma. – L’uso di questo colore è consigliabile quindi nelle camerette dei bambini, nelle librerie, nei bagni, nei centri benessere.

Il rosso  è forza, vita, passione. Osservare intensamente per esempio una parete rossa può incrementare la pressione del sangue ed accelerare il polso. La cromoterapia ritiene questo colore utile contro la depressione. Inoltre il rosso, (ma anche l’arancio intenso) stimolano l’appetito: ecco perchè spesso le cucine e i ristoranti optano per questo colore.

Contrapposto al rosso troviamo il blu, per il suo effetto calmante, tranquillizzante e rinfrescante. Si utilizza il blu nelle pareti per lenire lo stress e tutti i problemi ad esso annessi come l’ansia e l’insonnia. Spesso il blu (ma anche l’indaco e il celeste) viene utilizzato sulle pareti subito dietro fonti luminose (come monitor e televisori) per dare sollievo agli occhi. – Anche il blu può essere usato nelle livingroom, nei centri estetici/benessere e nelle camere da letto.

Il giallo è il colore dell’intelletto. Secondo i cromatisti funge d’aiuto allo studio e favorisce la concentrazione. Sembra essere in grado di infondere felicità, gioia e protezione. Viene consigliato per arredare gli uffici, le scuole e le aree gioco.

Ma il colore ha anche effetti sulla percezione visiva: giocare con i colori permette di “ingrandire” o “rimpicciolire” un ambiente per esempio oppure “incupire” o donare luminosità ad una stanza.

Ecco alcuni esempi di colori applicati all’interior design che possono essere spunto per un relooking!

Annunci

#homestaging Vol.1

design ideas

Mi piace parlare di tutto ma amo parlare del mio lavoro.

Come già accennato, Dandy Boutique è una delle mie creazioni, non solo perchè ne curo la parte Marketing e Comunicazione, ma perchè è stata la mia prima ristrutturazione fast e low cost, al punto che ancora ne parlo come un’intervento in grande di home staging.

Il fondo di 16mq+soppalco era stato utilizzato per un paio di mesi come temporary shop da due ragazze che a loro volta avevano riutilizzato bancone e mensole del precedente negozio (sigarette elettroniche) e lo avevano allestito alla meglio dipingendo loro stesse a mano sul muro e tappezzando con stoffa in velluto azzurro (che è tutto un dire) il mobilio in wengè.

Il concept della nostra boutique richiama le atmosfere eleganti e riservate dei salotti: i colori dominanti sono il grigio scuro, il cemento e l’argento con qualche tocco di bordeaux.

I tempi per il relooking sono stati molto stretti: tutto è stato fatto in 8 giorni (compresi rilievo, progettazione e studio del visual) e l’intervento ha riguardato:

– smontaggio dell’allestimento esistente;

– pannellatura atta a coprire la moltitudine di interruttori e prese che servivano ad illuminare le bacheche dello smoking store;

– stuccatura e tinteggiatura;

– acquisto e posizionamento del mobilio;

relooking 1

relooking 2

Trovate tutte le informazioni in merito al mio profilo professionale su http://www.idagiannattasio.altervista.org Interni D’Autore.